Le luci soffuse, gli arredamenti d’epoca, una cucina infinitamente piccola fanno di questo locale qualcosa di molto simile ad un bistrot francese.

Pochi piatti che raccontano la mia idea di cucina, una idea personale, una cucina che si basa sul vissuto personale di storia, di viaggi, di esperienze di vita, dove non c ‘é una regola precisa.

Piatti da scegliere senza un ordine preciso, perchè il bello della nostra tavola è poter sparigliare le carte, mangiarsi un primo e poi un antipasto o smettere proprio di chiamarli così,  dividere un bel plateau insieme agli altri commensali, ricostruire la propria idea di pasto in base alle sensazioni del momento.

Benvenuti!