Grano saraceno:  un cereale?

Per quanto per i suoi impieghi, il grano saraceno venga  normalmente inserito nel gruppo dei cereali minori per  modalità di coltivazione, tipo di prodotto e destinazione alimentare, in realtà è una pianta erbacea annuale con uno stelo variamente ramificato di colore verdastro-rossiccio che raggiunge un’altezza di circa 60-120 cm.

Il Grano saraceno veniva già coltivato sulle nostre montagne nel 1800; in seguito con l’avvento del frumento, ben più redditizio, la sua coltivazione fu abbandonata e tutt’oggi è un prodotto spesso sottovalutato, nonostante gli aspetti nutrizionali eccezionali e scientificamente documentati: il grano saraceno non contiene glutine ed è un’ottima fonte di  aminoacidi e proteine, di cui il corpo umano può assimilare  il 74%.